Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Isola del Garda.Delle donne e degli ispirati

Maggio 19, 2020 @ 8:00 am - 5:00 pm

notizie veneto

 

 

 

Dal lago profondo, agli scorci esotici; da draghi e aquile alla villa neogotica-veneziana protesa verso il cielo. E il distacco dalla terraferma, la breve crociera sull’acqua, l’approdo in un paradiso perduto e ritrovato, lungo millenni di storia, scanditi da tombe romane conservate nel Museo bresciano di Villa Giulia; vestigia longobarde e carolinge; celebri presenze come quelle di San Francesco (che piantò per primo gli agrumi sul Garda), Sant’ Antonio da Padova, Dante, San Bernardino da Siena e pure dei pirati!

Quest’isola lunga e stretta come una nave, dimora di frati, aristocratici, generali napoleonici, artisti e letterati è di proprietà della famiglia Cavazza. Dal 2002 l’hanno aperta al pubblico, deliziando la sensibilità degli ospiti con il loro patrimonio storico, artistico, paesaggistico e “strettamente personale”. L’isola affiora dalle acque di pertinenza del comune di S. Felice del Benaco, si raggiunge salpando dai porti di Gardone, Barbarano, Salò, Garda, Bardolino e Manerba fino all’attracco al porticciolo, accolti da olivi secolari e piccole sculture a forma di drago e aquila, che campeggiano nello stemma della famiglia Borghese. Il percorso – tra terrazzamenti e boschetti di sempreverdi, fioriture di stagione come la splendida rosa Lady Hillingdon, limonaie e aranceti d’intenso bouquet, capperi abbarbicati sui muri – conduce fino alle celle conventuali del 1400. Mentre lo sguardo raggiunge le rive di Sirmione, Bardolino, Garda e San Vigilio, alte palme, agavi e boungavillea aprono il sipario sull’elegante Villa Borghese Cavazza, complesso di edifici su sette livelli, a ridosso di un promontorio. Meraviglioso il momento del relax, con aperitivo e assaggi di prodotti locali serviti nella panoramica terrazza.

Isola delle donne

E’ chiamata così per la genealogia femminile degli ultimi due secoli, animata da autentico I care che continua oggi con Alberta Cavazza. Dopo vari passaggi di proprietà, la rinascita dell’isola avvenne con l’acquisizione da parte del Conte Luigi Lechi di Brescia (1817) che vi installò anche una tipografia, cui succedette il Barone Scotti che la rivendette al Duca Gaetano de Ferrari di Genova e a sua moglie, l’Arciduchessa russa Maria Annenkoff, nobildonna da romanzo. Tra il 1880 e il 1900 i nuovi proprietari realizzarono il parco, importando terra fertile e piante esotiche. Al posto di villa Lechi fu edificata la villa in stile neogotico-veneziano tra il 1890 e il 1903, realizzando il sogno dell’Arciduchessa di una Venezia mignon sul Garda. Alla sua morte, subentrò la figlia Anna Maria – sposa del Principe Scipione Borghese di Roma – che ebbe molta cura del parco e dei ricordi di famiglia. Nel 1927 ne divenne proprietaria la figlia Livia, sposata con il Conte Alessandro Cavazza di Bologna, che la lasciò al figlio Camillo e, dopo la sua morte, fu ereditata dalla moglie Lady Charlotte Talbot d’Inghilterra e dai loro sette figli, tra cui Alberta.

L’isola degli ispirati

Lo spirito contemplativo abita qui, fin dagli eremiti francescani della prima metà del Duecento, tra scalette e stretti sentieri, un boschetto di pini e cipressi, l’acqua verde smeraldo dietro la villa, piante palustri con radici aeree, fioriture di rose, iris, lavande, il paesaggio tropicale di agavi, cycas e le grandiose palme delle Canarie. Nel parterre davanti alla villa, siepi di bosso sapientemente modellate raffigurano il giglio araldico dei de Ferrari.

Più in là, ecco il prato con casetta delle fate, il luogo dove meditare con la potenza leggendaria del “Fiore Rosso”, radicato nel Garda come antica sapienza trasmessa per via femminile.  E’ una laica, intuitiva devozione alle forti energie che confluiscono sull’isola dal Monte Baldo, dalla penisola di Sirmione, da Salò e da Riva del Garda, che la danza, la musica, il congiungimento delle mani fanno assorbire nell’intimità di chi sa ascoltare (info sul “Fiore Rosso”: Carla C. Colotti www.carlitamoonmother.com)

Per prenotazioni, visite e info sull’Isola del Garda: cell. 328 3849226; info@isoladelgarda.com       www.isoladelgarda.com

 

Dettagli

Data:
Maggio 19, 2020
Ora:
8:00 am - 5:00 pm
Tag Evento:
, , , ,

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.