notizie veneto
Oggi e domani

Aspettative per la “fase 2” la ripresa

L’opinione degli operatori 

Il 21 febbraio vengono scoperti a Codogno e a Vo’ Euganeo i primi casi italiani di quella che sarebbe stata dichiarata pandemia. Il paese inizia a muoversi in modo disarticolato. I numeri del contagio crescono esponenzialmente. Troppi malati, troppi morti. Il 9 marzo il presidente del consiglio annuncia che dal giorno successivo il paese si sarebbe fermato, tranne i servizi essenziali. La quarantena forzata fino al 3 aprile viene poi estesa al 13. Arriva poi la “fase 2” di convivenza con il Covid-19 che ha creato non poche conseguenze che avranno ripercussioni economiche pesanti sul futuro. Abbiamo raccolto alcune riflessioni  

ASSOCIAZIONE IMPRENDITORI DEL VILLAFRANCHESE

Conta una cinquantina di associati tra industrie di vari settori, attività commerciali e professionisti, tutti accomunati dall’avere una base sul territorio. Le aziende sono fatte di persone e di fronte all’emergenza sanitaria, eccezione fatta per quelle operanti in alcune tipologie di attività definite indispensabili e servizi connessi, si sono fermate per la tutela della salute. Finito il lock down si è passati alla cosiddetta fase 2 con un’apertura pressoché totale. “In questo momento – rileva la presidente A.I.V. Stefania Zuccolotto – servono regole certe per pianificare il dopodomani anche se da più fronti si ha la sensazione di una visione che si limita all’oggi. Le aziende hanno assoluto bisogno di progettare con regole chiare e veloci. Per investire devono avere la prospettiva di cosa ci sarà domani”. Sottolinea “la ripartenza del paese deve coinvolgere più attori, le istituzioni, i cittadini e le imprese che sono una componente strategica. Sembra non esserci un piano strutturato e una visione d’insieme per un vero e proprio rilancio, ma più un’attenzione assistenzialistica che va bene nell’immediato ma è chiaro che serve una prospettiva di lungo periodo”. C’è bisogno di semplificare le regole e sburocratizzare se si vuole andare avanti celermente. “Analisi di mercato di vari centri studi evidenziano una problematica nel medio periodo sia a livello di ripesa generale delle attività economiche che, di conseguenza, dell’impatto sui posti di lavoro. Rischia di diventare un’emergenza nell’emergenza”. 

ASSOCIAZIONE RISTORATORI DEL CUSTOZA

I ristoranti hanno riaperto dopo lungo tempo creando non pochi problemi occupazionali. “Stiamo ripartendo a ritmi molto lenti – evidenzia il Presidente dell’Associazione Luca Pezzini – dopo un lungo periodo di lock down. La gente fa fatica ad uscire e ritrovarsi attorno ad un tavolo, nonostante il rispetto delle stringenti regole indicate per ridurre il rischio di contagio. Per quanto riguarda i collaboratori cerchiamo di mantenere la squadra al completo con turnazioni, auspicando una ripresa il più possibile veloce”.

CIERRE GRAFICA

L’azienda di Caselle di Sommacampagna opera nei settori della promozione turistica e dell’editoria, praticamente bloccati. E’ ferma la stampa di cataloghi di mostre, fiere, sagre e manifesti di varie attività nell’incertezza del se e quando saranno realizzate. “Stiamo navigando a vista – sottolinea il presidente Stefano Carli. Il mercato era già da mesi in difficoltà. Questa situazione non ha certo agevolato e non credo ci siano risvolti positivi nel breve. Lo Stato sta facendo quello che può ma il problema vero e grosso è diventata la liquidità. Occorre fare ripartire quanto prima questo volano finanziario per evitare insolvenze a catena ma, al momento, è ancora tutto molto fermo. Stiamo aspettando di vedere cosa succederà”.

PRO LOCO CUSTOZA

E’ un’associazione di volontari che opera per la promozione del territorio e dei prodotti del luogo. Collabora attivamente con altre associazioni locali organizzando manifestazioni ed eventi. Dopo il tesseramento e l’assemblea dei soci programmata per il 25 febbraio era in calendario il rinnovo del nuovo consiglio direttivo con elezioni previste nelle giornate di sabato 7 e domenica 8 marzo. Il Coronavirus ha bloccato tutto. L’U.N.P.L.I. (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) ha prorogato i rinnovi delle cariche entro il prossimo ottobre. “Spererei – comunica il presidente della Pro Loco Custoza Alessandro Pignatti – di programmarle per il mese di settembre per proseguire successivamente con le iniziative tradizionali”. Dalla classica festa del broccoletto prevista in inverno, al ballo del liscio, alla festa degli anziani, Natale in piazza, concerto di fine anno, coinvolgimento dei bambini con il concorso dei presepi. “L’obiettivo è riprendere la scaletta ordinaria. Con l’assessorato alla cultura abbiamo ipotizzato l’idea di organizzare sia pure con un numero contenuto di spettatori, quello che ci sarà consentito nel rispetto del distanziamento sociale, un paio di serate a Custoza prevedendo un film e musica all’aperto per la seconda parte di agosto”. La classica Festa del Custoza prevista per la fine della seconda settimana di giugno è stata sospesa e rimandata al 2021. 

VINO

L’isolamento conseguente alla diffusione del Covid-19 ha provocato un danno anche al mondo del vino sia pure con delle differenziazioni tra le aziende e i vini. Il blocco ha spostato i consumi dal segmento horeca, che è crollato, a quello della grande distribuzione. In difficoltà il settore medio alto della produzione sia in Italia che all’estero. Quest’anno si prospetta una buona vendemmia sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo e i produttori si stanno già chiedendo dove metteranno il vino considerate le attuali giacenze elevate. “Il vero timore – evidenzia il Presidente del Consorzio Custoza DOC e del Garda DOC Luciano Piona – è che i produttori inneschino un processo al ribasso del prezzo che potrebbe risolvere problemi singoli ma non quelli del settore. Se il vino costa la metà il consumatore non beve il doppio. Alla fine ci troviamo tutti più poveri con le cantine piene. Il messaggio del Consorzio è chiaro, non svendiamo, per evitare l’effetto boomerang che si ritorcerebbe contro tutti”.   

Giornalista, collaboro con L'Altro Giornale prevalentemente per l'edizione Quadrante Europa. Coautore del libro Eccomi…una storia d'amore con Dio pubblicato nel 2015. Sono socio Lions e Officer Distrettuale per più progetti. Cavaliere dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme e Cavaliere delle Repubblica. Facebook: AZ20 Linkedin

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.